contatore accessi web

22
Ott

0

3 ottimi motivi per NON amare i droni

Alcuni li amano, molti li odiano. Chiunque abbia un’opinione in merito sembra averla ben definita, chiara, profetica: salveranno il mondo oppure lo distruggeranno. 

I detrattori spesso argomentano le loro posizioni con punti spesso inoppugnabili, come il fatto che sono pericolosi e pur sempre oggetti pesanti che volano su cose o persone a quota medio bassa, con tutto il potenziale pericolo che ciò comporta.
E se i detrattori avessero ragione? 

Ecco 3 motivi più che validi per NON amare i droni.

1 – Causano danni a cose e persone

Ne abbiamo visto un esempio a Pompei, pochi giorni fa: Durante alcuni rilievi fotogrammetrici sulle rovine di Pompei con due droni (riconosciuti da enac e autorizzati dalla soprintendenza), uno dei due è andato fuori controllo ed ha oltrepassato il perimetro dell’area archeologica andandosi a schiantare in una porta finestra di una casa situata nella zona urbana attigua.
Il pilota pare non abbia rispettato un aspetto fondamentale della normativa: l’utilizzo di un terminatore di volo durante le operazioni. Il terminatore di volo è uno strumento che da regolamento deve usare tutti gli operatori e operatrici SAPR perché attraverso di esso, in caso di perdita di controllo del mezzo è possibile interrompere il volo nell’area di lavoro e non, come è accaduto a Pompei, in un’area abitata.

Scopri qual è il terminatore di volo
più adatto alle tue esigenze

Terminatore enac

2 – Sono inutili

Se si acquista un drone ma non si ha un riconoscimento da parte di ENAC, è vero: il drone in sé è quasi inutile e oltre a volare nel proprio giardino si può fare ben poco, come evidenzia il nuovo regolamento ENAC.
Certo, con un riconoscimento e un drone autorizzato all’uso professionale (e ovviamente con l’esperienza e un atteggiamento professionale e non hobbistico) è possibile fare rilievi utili all’agricoltura intelligente e alla tutela del patrimonio culturale, è possibile salvare potenziali vittime di disastri ambientali e fare ispezioni veloci a viadotti, tratti stradali soggetti a smottamenti, immobili pericolanti. Sono anche utilizzati nella lotta al narcotraffico e nel traffico di esseri umanima per fare queste cose con un drone non è indispensabile né utile amare il drone in sé, quanto questo tipo di lavori, per i quali gli APR sono preziosi.

design drone AC

3 – Pilotarli è costoso (sul piano economico e del tempo)

Anche questo è vero. Per pilotare un drone bisogna rispettare le regole e i riconoscimenti ENAC, frequentare dei corsi che hanno un costo e anche acquistare macchinari aggiuntivi (come il terminatore di volo) necessari per legge oltre che per ovvi motivi di sicurezza.
Per pilotare un APR, non servono tanto amore e passione quanto pazienza e voglia di lavorare in uno o più di uno dei settori in cui la dronotica sta diventando un must (edilizia, architettura, protezione civile, sicurezza, design, fotografia, agricoltura).

Ti potrebbe interessare sapere quali solo le
5 aziende che non possono più fare a meno dei dronisti

Quello dei droni è ormai un mercato nel quale non si tende tanto a proporre divertimento, quanto altissima professionalità, per cui i droni NON vanno amati, ma conosciuti, ed è inutile appassionarsene come si potrebbe fare per l’aeromodellismo.
Gli APR sono oggi utili, e diventeranno indispensabili, per alcuni settori lavorativi tecnicamente complessi nei quali alla passione è necessario aggiungere serietà e professionalità.

Ti potrebbe interessare anche sapere
Ma quanto e come guadagna un dronista? 

 

No Comments

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi