contatore accessi web

19
Nov

0

3 tecnologie per salvare il pianeta

Per salvare il pianeta dall’inquinamento e dagli effetti devastanti dei cambiamenti climatici non servono necessariamente miracoli o azioni coercitive. Bastano (si fa per dire) piccoli cambiamenti nelle attitudini di ogni cittadino, magari aiutati da piccole implementazioni della scienza.

Le innovazioni tecnologiche possono fare è stanno facendo molto per sopperire a diversi danni causati dall’azione umana e da precedenti innovazioni per nulla benefiche verso l’ambiente che ora inizia a presentare il conto.

Vediamo insieme alcune nuove tecnologie che ci possono aiutare nel percorso verso un pianeta più pulito e quindi più salubre per tutti noi.

Row-bot per pulire il mare e dare energia

Il primo prototipo di Row-bot è stato presentato poche settimane fa ad Amburgo e si tratta di un piccolo macchinario composto da una cella a combustibile alimentata elettricamente… Dai batteri contenuti al suo interno.

Il suo essere rivoluzionaria sta sia nella tecnologia ad impatto zero che le consente di ripulire il fondale del mare e il mare stesso dalle sostanze tossiche, ma anche dalle modalità di alimentazione elettrica data dall’attività dei batteri, che apre molte nuove frontiere nel campo delle risorse energetiche.

Animali dro-bot per proteggere gli ecosistemi

Da diversi anni Giappone, Stati Uniti e Corea stanno lavorando per l’implementazione e lo sviluppo di robot-DRONI dalle sembianze e animali e dalle caratteristiche simili a quelle di volatili e anfibi che possano mimetizzarsi all’interno di ecosistemi a rischio per comunicare in tempo reale ai ricercatori e zoologi tutti i fattori di rischio per animali e per l’ecosistema. La robotica e la dronotica insieme, in progetti quali quello denominato NUSwann mettono insieme l’azione di protezione e prevenzione all’azione mirata e differenziata per ogni ecosistema, riproducendo su scala eco-globale quanto già sta avvenendo nell’agricoltura intelligente.

 Droni per l’agricoltura

pannello danneggiato-fila 11-1° gurppo da destra

Questa innovazione da un lato rivoluziona il mondo dell’agricoltura nelle sue pratiche più comuni e dall’altro influisce in maniera netta sulla nostra vita di consumatori. Infatti il monitoraggio dei terreni attraverso le mappature a spettro aerogrammetrico consentono agli agronomi di irrigare e concimare il terreno e i suoi prodotti in base alle specifiche necessità di ogni sezione di raccolto e di non concimare a pioggia con pesticidi chimici, che se hanno permesso all’agricoltura di andare meno in contro a batteri nocivi e grosse perdite hanno anche avuto impatti e conseguenze sulla salute del consumatore. Quest’ultimo, grazie all’ormai crescente utilizzo dei metodi dell’agricoltura intelligente di cui i DRONI sono parte fondamentale, nei prossimi anni potrà consumare cibi prodotti dalla terra è derivati più sani.

Importante non dimenticare mai che la scienza non è che il frutto del lavoro e dello studio delle persone e anni e anni di lavoro per ottenere benefici per il pianeta sono motivati solo dalla sensibilizzazione e dalla comprensione dell’entità del problema.

Quindi la grande e principale innovazione per la tutela dell’ambiente è sempre la maggiore consapevolezza e sensibilità di ogni cittadino e cittadina.

No Comments

Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi