contatore accessi web

06
Gen

0

5 buoni propositi per far decollare il tuo business nel 2015

L’inizio dell’anno è il momento delle grandi scommesse. Come fare per far decollare il proprio business in 12 mesi+1?

Chiunque abbia un’attività in proprio o una piccola azienda ha iniziato il nuovo anno come aveva concluso il precedente: con il desiderio e l’augurio di far decollare il proprio business nel nuovo anno. Vediamo insieme 5 modi per far decollare il proprio giro di affari e soprattutto per non perdere l’entusiasmo tipico dell’inizio dell’anno.

1 – Concretezza e pianificazione.

Augurarsi che gli affari decollino o fare buoni proposito non sempre porta alla concreta realizzazione di quanto sperato. Come quando cade una stella e si esprime un desiderio, c’è un passo cruciale che moltissime persone non fanno, ossia passare alla fase operativa, dal desiderio al ‘fare’ cose concrete.
Il primo modo per attuare il concetto di concretezza di un proposito è fare una programmazione annuale di tutte le attività da svolgere e dei mezzi e contatti che servono per realizzarli.
Ad esempio, sei un fotografo o una foto reporter e vuoi organizzare una mostra fotografica a settembre 2015 per ampliare il tuo portfolio? Devi iniziare a lavorarci da gennaio, massimo febbraio! Non solo per gli scatti ma anche per gli sponsor, i partner, le stampe, il budget ecc.
Una buona pianificazione e il rispetto di tutte le scadenze possono aiutare qualunque professionista ad aumentare il proprio giro di affari senza neanche accorgersene e vi sembrerà persino di lavorare di meno.

2 – Brainstorming

Prima della pianificazione, sii creativo/a e fai un passo indietro tornando alla fase immaginativa. Organizza una riunione con tutti i tuoi collaboratori. Se ancora lavori da solo o da sola… non va bene! Creati una rete di partner, persone che fanno lo stesso lavoro (quelli che un tempo avrebbero definito competitor) e inventa con loro riunioni e cene per parlare di idee e progetti condivisi. Se serve… anche un cicchetto o un buon calice di vino aiutano la creatività!
Ad esempio, se sei un giovane geometra puoi invitare a cena dei tuoi colleghi di altri studi e discutere con loro delle moderne tecnologie a disposizione della professione, delle nuove leggi… e poi anche di calcio.
Nasceranno idee, sodalizi, spunti creativi utili per la pianificazione e la programmazione di cui al punto 1.

journalism3 – Stai sul pezzo

Per crescere e lavorare non bisogna mai smettere di studiare. In qualunque settore! Studiare non vuol dire più (solo) acquistare saggi e manuali ma leggere giornali e riviste di settore on line, guardare con più attenzione le campagne pubblicitarie relative al tuo settore, studiare statistiche e tendenze relative alle vendite e al giro di affari delle grandi major in business analoghi o collaterali. Ad esempio, produci mobili di design da vendere on line? Studia allora le campagne pubblicitarie di IKEA e cerca di capire perché hanno tanto successo (no, non è solo una questione di prezzo!).
Realizza una tua App! oggi non puoi più vendere nulla se non hai una App che consenta a chiunque di avere i tuoi prodotti virtualmente tra le mani in un solo click!
Se puoi, investi nella comunicazione virale, o con un corso da seguire o delegando ad esperti. Facebook e Co. non sono solo un elemento di distrazione ma anche un vero e proprio lavoro.

4 – Nuove tecnologie

Strettamente legate allo studio delle novità nel proprio settore, sono le tecnologie di ultima generazione. Anche quelle che vi sembrano assurde e senza futuro! Solo venti anni fa moltissime piccole e medie imprese erano scettiche sulla vendita on line. Sembrava una stramberia da tempi moderni, da romanzo. Ora, quante fette di mercato hanno perso quelli che hanno ritardato nella vendita on line? Meglio non pensarci…
Abbiamo già detto ad esempio che i neo giornalisti, fotografi e free lance che lavorano nella comunicazione devono tenere d’occhio il mondo della dronotica e i google glass (lo dice anche la  Nieman Foundation di Harvard).
Ma attenzione: partecipare alla corsa al drone piccolo, simile ad un giocattolo, sperando di poterlo utilizzare senza seguire le regole ENAC, è un modo poco consapevole di fare un acquisto per fini professionali. Sarebbe  decisamente più saggio e preferibile mettere nel proprio CV un patentino di dronista certificato e avere una marcia in più spendibile sul mercato.

corso social media marketing e visual story telling5 – Serenità e costanza sono molto meglio dell’entusiasmo!

Per decollare servono tempo e costanza. I buoni propositi e l’entusiasmo da primo mese dell’anno, lasciamoli alle diete e alle iscrizioni in palestra. Per far decollare il lavoro e la propria attività è preferibile farsi prendere dalla fiducia e dalla calma, sentimenti positivi ma in grado di durare più a lungo dell’entusiasmo.

Invece di aspettare di ‘fare il botto’ con un super cliente e grandissime provvigioni (cosa che capita dopo tanti anni di carriera e contatti o con un grande colpo di fortuna), meglio porsi piccoli obiettivi durante il corso dell’anno, sino al gennaio 2016. Nutrirsi di piccole soddisfazioni è la linfa che alimenta il tuo spirito da imprenditore e anche il tuo business.

E tu, cosa pensi di fare per decollare?

 

No Comments

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi