contatore accessi web

26
Ago

0

I posti più strani da fotografare dall’alto

Creati dalla natura, dall’uomo… o dagli alieni, alcuni scenari da riprendere dall’alto, con specifiche attrezzature.

Un appassionato di fotografia, con il pallino specifico della fotografia dall’alto, sa bene che ogni scorcio e ogni soggetto può essere valorizzato se ritratto dall’insolita prospettiva aerea, a volo d’aquila. La sfida è cercare sempre nuove tecniche e nuove prospettive per fare ‘lo scatto perfetto’.
Tuttavia ogni fotografo sa anche che ci sono dei posti e delle cose che sembrano essere fatte per essere riprese dall’alto, perché la prospettiva aerea aiuta a godere e capire meglio nonché, in alcuni casi, è addirittura indispensabile per la decodifica e la comprensione dello scenario in oggetto.

Vediamo insieme alcuni di questi soggetti speciali, che hanno bisogno di un’inquadratura speciale e, ovviamente, anche di attrezzature speciali.

Artefatti umani

Il mondo è disseminato di sculture e strutture, soprattutto di arte moderna e contemporanea, che sembrano essere state fatte per essere guardate dall’alto. Un appassionato di fotografia aerea dovrebbe fare il ‘giro del mondo’ alla ricerca di queste opere da riprendere. Ad esempio, il monumento al nuotatore di Londra potrebbe essere una buona prima tappa per il fotografo alla ricerca di immagini uniche. Per altro, anche on line le foto che lo ritraggono dall’alto non abbondano, quindi questo scatto potrebbe essere un buono modo per differenziarsi.
Idem per l’ago e filo della stazione Cadorna di Milano. Sono in realtà pochi i milanesi o i trapiantati che capiscono e riflettono sul senso e su cosa rappresenti davvero questa scultura divisa in due parti. Dall’alto si capisce bene che si tratta di un enorme ago che, con il suo filo, cuce e unisce il mondo sotterraneo e la superficie della città, in un punto focale per i trasporti meneghini.
In fine, se si vuol fare un salto negli USA, non perdere Washington D.C. e il suo risveglio del gigante. Inquietante, se ne capisce lo spessore e il senso solo vedendolo dall’alto.

Strumenti da usare: per questo tipo di scatti, da fare per lo più in viaggio, un palo telescopico farà al caso nostro. Ovviamente, tanto più è leggero, più facile sarà portarlo in giro. Anche per questo motivo, un palo telescopico tipo il MagicPole in leggerissima fibra di vetro può essere la soluzione migliore.

Paesaggi naturali

Sui paesaggi e le sculture create dalla natura c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Si può dire che, ovunque si vada, esiste un paesaggio imperdibile. Eppure ci sono degli scenari sparsi per il mondo che si apprezzano nella loro maestosità solo se visti da una prospettiva aerea. Vediamone tre.
Come potremmo apprezzare i colori mozza fiato della Grand Prismatic Spring, nel parco di Yellowstone (USA), se non dall’alto? Si tratta di una sorgente termale che cambia colore di stagione in stagione a seconda dei batteri presenti.
Toglie letteralmente il fiato la visuale del fiume Pjorsa in Islanda, con la sua maestosità e senso di freddo glaciale. Trasmette un senso di pericolo, intoccabilità, enormità delle forze della natura, quasi del tutto opposta al senso di pace dato dalla visuale della barriera corallina, con i suoi colori e forme irripetibili in qualsiasi altro angolo del pianeta.

Strumenti da usare: in questo caso un palo telescopico potrebbe non essere sufficiente. Meglio un quadricottero certificato,che sorvolando aree non affollate rende il miglior servizio con il minor sforzo.

Motivi… ultraterreni

La letteratura sui cerchi nel grano ormai si spreca. Ci sono tantissime ipotesi e spiegazioni, ma a noi piace sempre pensare che di tanto in tanto individui ultraterreni passino da noi per farci vedere che non siamo il solo pianeta che sa fare cose belle, e che nella costante ricerca della bellezza non siamo soli nell’universo.

Strumenti da utilizzare: chiedere un passaggio ad una navicella di alieni e chieder loro di fare foto da una posizione privilegiata può essere una buona soluzione. In assenza di questa possibilità, sia un drone che un aliante possono essere un metodo alternativo. Tuttavia anche una posizione a 5 metri di altezza fornita da un palo telescopico può permetterci di scattare immagini con un taglio prospettico diverso e di mostrare non solo l’immagine ‘tatuata’ sul terreno in maniera piatta, ma anche alcune sfaccettature di erba e grano, materia prima delle opere.

cerchio

 

No Comments

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi