contatore accessi web

05
Mar

0

Le 3 professioni più richieste del futuro.

Connubio di tecnologie nuovissime, in alcuni casi ancora in fase sperimentale e di esigenze sociali. Professioni con un piede nel passato che rivivono grazie alla nuova linfa delle invenzioni più moderne e poi, ancora, attività che nascono come hobby e che diverranno delle vere e proprie attività altamente specialistiche. Non sempre serve una laurea per le professioni che nei prossimi anni saranno sempre più richieste e più pagate, ma servono una propensione verso la tecnologia  e molta curiosità oltre che precisione. Illustriamo brevemente tre dei profili professionali più ricercati nell’arco dei prossimi 10 anni.

Urban Farmer

Tra le professioni del futuro, si dice sia tra quelle che saranno meglio pagate. Si tratta degli Urban Farmers, letteralmente ‘contadini urbani’, ossia specialisti che conoscono le caratteristiche dell’agricoltura verticale, le moderne tecnologie idroponiche e sanno come si fa a sfruttare aree potenzialmente produttive nei tessuti urbani o addirittura nei bunker sotterranei. Il ruolo dell’Urban Farmer cammina di pari passo con quello degli ingegneri, architetti e dei responsabili dei piani urbanistici; a dire il vero il profilo ideale dell’Urban Farmer è proprio quello di una persona che parte come addetto ai lavori in campo edilizio e ingegneristico, oltre che agrario.

Pilota di droni

Questa è la definizione più diffusa tra i non addetti ai lavori, per una categoria che in realtà si chiama OPERATORE SAPR. La Federal Aviation Agency americana stima che entro il 2018 esisteranno almeno 30 mila tra uomini e donne in giro per il mondo in grado di pilotare un drone. Ovviamente ognuno di loro avrà un diverso grado di competenza e specializzazione, soprattutto tenendo conto delle leggi severe che, in tutto il mondo, regolano l’uso dei SAPR.
La loro spendibilità in campo
– artistico (filmico, fotografico)
– tecnico (mappature in 3D, agronomia green),
– ambientale (tutela del patrimonio  forestale e culturale, controllo aree a rischio erosione),
– sicurezza (controllo e ricerca superstiti in caso di calamità naturali) ecc. fa degli operatori e operatrici SAPR in possesso di un riconoscimento da parte dell’Ente Aviazione Civile, degli esperti preziosi cui rivolgersi dei quali sia privati che enti pubblici e sovrintendenze non riusciranno più a fare a meno se non con investimenti notevoli di fondi e tempo.

Ti potrebbe interessare anche l’articolo
Hai bisogno di un ‘pilota di droni’? Ecco 3 cose che devi sapere

design drone AC

Ingegneri di strutture in stampa 3 D 

Nelle fiere ed esposizioni di Hi-tech di una decina di anni fa si intravedevano i primi rudimentali prototipi di stampanti 3D. Oggi diverse start-up in tutta Italia (e oltre, ovviamente) producono diversi modelli che dalla produzione di piccoli gadget passano alla realizzazione di veri e propri prototipi commercializzabili per beni di vario tipo, dall’arredamento all’abbigliamento all’oggettistica di vario genere. Ma il potenziale delle stampanti in 3D non si ferma qui e le sperimentazioni stanno toccando apici sconosciuti sino a pochissimi anni fa.

 

Ad esempio, le emergenze sismiche e ambientali verificatesi in Italia e in diverse parti del mondo negli ultimi anni hanno messo in luce la necessità di creare strutture sicure in poco tempo per rendere più efficiente la macchina dei soccorsi.  Ebbene, la stampa 3D può essere utilizzata per strutture provvisorie realizzate in emergenza. Una squadra di ingegneri di strutture in stampa 3D potrebbe realizzare una comunità di strutture in una settimana. L’ingegnere /progettista che vorrà intraprendere questa strada dovrà conoscere la tecnologia di stampa 3D ma anche saper lavorare in situazioni di emergenza. Già si parla si stampe in 3D di case vere e proprie, ma in questo caso bisognerebbe creare delle normative apposite e, si sa, le norme camminano molto più lentamente della tecnologia.

L’importante è che siano i giovani a stare al passo e a guardarsi bene intorno, studiare la realtà anche professionale che si paventa nei prossimi anni e trovare un modo per non restare indietro. Il futuro arriva subito!

No Comments

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi