contatore accessi web

17
Nov

0

Sei un dronista? Ecco 10 modi per trovare nuovi clienti

Hai appena conseguito il riconoscimento da operatore o operatrice SAPR, hai finalmente ottenuto il riconoscimento per fare del tuo drone uno strumento di lavoro oltre che di diletto. Che cosa serve adesso?
Una partita iva e… dei clienti per iniziare a fare di questa attività il tuo pane quotidiano.

Ti diciamo subito che non sarà facile, non solo perché inizia ad esserci molta concorrenza ma anche perché molti potenziali clienti sono ancora ‘indietro’ dal punto di vista delle nuove tecnologie e non sanno quali enormi benefici la loro azienda potrebbe ottenere affidandosi a delle riprese aeree.
Sta anche ai nuovi adepti del settore farlo capire attraverso il proprio lavoro e la comunicazione a riguardo.

Vediamo adesso insieme 10 piccoli grandi suggerimenti per trovare e far crescere i tuoi clienti, soprattutto (ma non limitatamente) durante il primo periodo di attività.

1 – Definire i potenziali clienti (e il tuo core business)

carmen donna drone

Dalle aziende agricole al settore edile, dagli studi di architettura ai piccoli studi di geometri, dai tribunali alle aziende immobiliari, gli sbocchi sono davvero tantissimi ma è bene tenerli a mente e sapere a quale tipo di impresa ognuno può indirizzarsi sulla base della propria pregressa esperienza e bagaglio personale. Il campo della dronotica è così vasto che difficilmente di potranno coprire tutti i campi applicativi, soprattutto all’inizio, anche perché i software che servono per ogni settore sono diversi e costosi. Ma imparare tutto il possibile in un solo settore
–  ti renderà unico e il Top di gamma nel settore prescelto
– ti aiuterà a definire bene il tuo target principale e di conseguenza regolare tutta la tua comunicazione.

Ti potrebbe interessare anche l’articolo
Piloti SAPR: come scegliere il proprio settore di specializzazione

2 – Canale umano: i giusti contatti

Le persone che hanno frequentato con te il corso per diventare Piloti riconosciuti possono essere un’ottima risorsa, più che potenziale concorrenza.

Prima di tutto perché molto probabilmente ognuno di loro avrà un background diverso dal tuo e un core-business  differente; ad esempio nel tuo stesso corso potrebbero esserci fotografe che vogliono implementare il proprio fatturato con riprese aeree promozionali, geometri che vogliono avere una qualifica in più, agronome che vogliono portare una risorsa in più all’azienda di famiglia ecc. Con loro è bene mantenere un contatto costante, anche attraverso un gruppo su WhatsApp, in cui ‘scambiarsi’ clienti.
Ti potresti chiedere: ‘Perché mai dovei passare clienti ad altri?’.
La risposta è semplice: se al fotografo di matrimoni viene chiesta una mappatura aerogrammetrica, tra il dire dire ‘No, non posso farlo’ e ‘Lo propongo ad una risorsa del mio staff’ la seconda opzione è di certo più professionale e rassicurante, non credi? E all’inizio l’immagine che si trasmette di sè ai propri clienti è praticamente tutto, anche quando si deve dire di no.
Inoltre si possono anche fare accordi interpersonali per cui chi passa un contatto ad altri, trattiene una percentuale del 10% come avviene in molte altre professioni free-lance.

Leggi anche 
I 5 vantaggi del fare un corso da Operatore SAPR
(riconoscimento a parte)

3 – fiere di settore

Come per molti altri lavoratori free-lance e per molte altre tipologie di azienda, le fiere di settore sono molto importanti, non solo per conoscere le novità nel proprio campo ma anche per farsi conoscere.
In questi casi non basta un biglietto da visita, perché ogni espositore o trader ne porta a casa a centinaia: è importante chiedere, dimostrarsi interessati, interagire e lasciare una traccia nella memoria dei professionisti che si incontrano.
Se raccogli dei biglietti da visita, prepara subito dopo la fiera una e-mail con una grafica accattivante in cui dici che è stato un piacere conoscerli e che auspichi di avere presto la possibilità di rivedere tutti.
NB:
1 – metti gli indirizzi in copia nascosta!
2 – fai in modo che la mail rimandi al tuo sito.

4 – Sito web chiaro

carriere-studenti

I servizi che proponi devono essere chiari e facilmente comprensibili da ogni utente. Il sito web deve essere impeccabile e adatto al tuo tipo di attività e per questo è molto importante non fare da soli ma farsi aiutare da esperti di web marketing.

5 – Porta gente sul tuo sito: come si fa?

Una volta che hai creato e riempito di contenuti e informazioni il tuo sito… bisogna fare in modo che i potenziali clienti lo trovino.
Per far sì che sempre più gente ti trovi sui motori di ricerca, la parola magica è SEO (Search engine oriented). Si tratta di piccole impostazioni di ogni pagina del tuo sito in cui ricorrono le parole chiave che vuoi che portino ad esso.
Tra i plug-in migliori ci sono All in One SEO pack e Yoast, entrambi adatti anche ad un’utenza alle prime armi in fatto di SEO.
La presenza di un blog all’interno del tuo sito (magari ricco di tutorial) è fondamentale perché quanto più spesso il tuo sito è aggiornato tanto più i motori di ricerca ti daranno visibilità a scapito della concorrenza.

6 – Social media

social fotografia

Ricorda che facebook, twitter e affini non servono solo per commentare il calcio o tutto lo scibile umano ma sono anche un ottimo metodo per aumentare la visibilità del proprio brand e per affermare la propria web-reputation.

A tal proposito, ti rimandiamo all’articolo
7 Consigli per Gestire i Social media

7 – Ricorda(ti) spesso la qualità dei tuoi servizi

Credi che ci siano degli aspetti del tuo lavoro e potenziale servizio che ti differenziano dal resto del mercato? Ricordalo sempre a tutti.
Sei particolarmente fiera dei tuoi strumenti di lavoro? Fallo sapere con orgoglio in molti post e articoli.
Ad esempio, puoi pubblicare e condividere foto e pezzi sul tuo terminatore di volo o paracadute e ricordando spesso che sei un operatore riconosciuto (e qual è la differenza tra chi lo è e chi non lo è).

8 – Video promozionali

cinema drone

 

Sempre a proposito di comunicazione, tu che hai scelto di lavorare con i droni hai un potenziale enorme, perché i video e le foto aeree hanno un impatto visivo ed emotivo maggiore ed è dimostrato che sono del 17% più ‘virali’ delle foto e dei video da terra. Fai dei video con uno storyboard breve (deve durare al massimo un minuto) e con una bella colonna sonora e diffondilo.
Un tip in più: collabora con altri giovani e neofiti di vari settori come te! Chiedi la colonna sonora ad un giovane gruppo emergente. Chiedi il montaggio ad un video maker in erba e ringraziali sia nei credits del video che taggandoli sui social. Inutile dire che questo triplica le visualizzazioni!

9 – Database on line

Esistono dei database on line che mettono in contatto aziende e clienti che necessitano di un servizio tecnico con una piccola impresa o free-lance che può erogare questo servizio. In Italia ne esiste uno molto completo rivolto proprio a dronisti e clienti che si chiama Professione Dronista.

Ti potrebbe interessare l’articolo
Ma quanto (e come) guadagna un dronista?

10 – Viaggia

Il mercato che ruota intorno ai droni è in enorme crescita in tutto il mondo: restare ancorati al proprio territorio è quanto di meno auspicabile. Cerca fiere di settore in tutto il mondo, cerca nuovi contatti usando i social network in inglese (soprattutto twitter) e muoviti per stringere collaborazioni su ampia scala.
Non solo: viaggiando si scoprono i trend del mercato, i nuovi studi e implementazioni.

Restare a casa non è il massimo per nessun tipo di attività, men che mai quando si parla di innovazione.

No Comments

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi