contatore accessi web

09
Set

0

Tool indispensabili per fotografare lo sport (anche estremo).

Sforzo, trazione muscolare, adrenalina e movimento: come fare entrare tutto questo in un click?

Se sei un fotografo (per lavoro o per passione, non fa differenza), saprai bene che fotografare gli sportivi in azione è un lavoro tanto interessante e stimolante quanto complesso.
Ciò che caratterizza la foto sportiva è la dinamica del soggetto o dei soggetti ritratti, l’armonia corporea o lo sforzo. Il motivo per cui gli sportivi in azione sono un soggetto incredibilmente interessante è proprio per via della spontaneità con cui trasmettono un senso di sforzo, adrenalina, grazia, sacrificio.

Ma quali sono i trucchi e gli strumenti per fare meravigliose fotografie agli sportivi in azione? Scopriamoli insieme, analizzando anche varie tipologie di sport e di movimento.

1 – Sport ‘statici’.

Sembra una contraddizione in termini, ma è la verità: esistono delle attività che appaiono più statiche di altre per quanto concerne la velocità dei movimenti. Ad esempio le ballerine nella fase di allenamento o alcune posizioni delle arti marziali.

In queste fasi più statiche e plastiche, la trazione muscolare, l’espressione di un viso (dolore, concentrazione, respirazione diaframmatica) sono elementi che il bravo fotografo non può lasciarsi sfuggire.
Gli strumenti irrinunciabili in questo caso sono, anzitutto una macchina fotografica reflex in grado di lavorare ad ISO molto alti senza produrre troppo rumore (né le palestre, illuminate spesso al neon, né i teatri sono i posti migliori sul piano della luce naturale) e lenti superiori a f2,8.

E per le fasi di movimento?
Una reflex full frame ti permetterà di scattare ottime foto in sequenza e ti consentirà di mantenere quelle in cui il soggetto è venuto meglio sia sul piano dell’espressione del viso, che della luce che delle trazione muscolare e ampiezza del movimento.

2 – Atletica e velocità

Lo stesso discorso appena fatto per la danza e le arti marziali in merito alle fasi di movimento si può fare anche per l’atletica e quegli sport che hanno lo scatto e la velocità come elemento fondamentale, che quindi deve essere per forza trasmesso anche nello scatto. La luce in questi casi è un problema minore dal momento che sono sport praticati per lo più all’aperto.
Ma quello che in questi casi fa la differenza è la nitidezza del soggetto umano fermo in contrasto con lo sfondo mosso. Oltre a molta pratica e conoscenza della dinamica dello sport ritratto, bisogna impostare  tempo inferiore rispetto a quello necessario per bloccare l’azione e spostare la macchina fotografica alla stessa velocità del modello.

Anche un palo telescopico, magari unito ad un dispositivo per il controllo remoto della fotocamera come il CamRanger, può essere un tool in più per riprendere da una prospettiva privilegiata un’azione dinamica (dal momento di levatura del salto in alto o del salto con l’asta al momento esatto del passaggio di una staffetta ecc.).

3 – Sport di squadra

La raccomandazione all’utilizzo di un palo telescopico leggero fatto per l’atletica vale soprattutto per gli port di squadra.
La velocità di estensione e la leggerezza della fibra di vetro permettono spostamenti veloci e la possibilità di fotografare da un’altezza che arriva sino a 5 metri la dinamica delle strategie, le coreografie che caratterizzano, ad esempio, una partita di palla a volo o di nuoto sincronizzato.

4 – Sport estremi 

Poi ci sono gli sport fatti per tenere tutti con il fiato sospeso! Le imbracature e i caschi tipici di parapendio, rafting, paracadutismo, snowboard acrobatico non lasciano certo spazio alle espressioni del viso o alle forme del corpo. Quello che va ritratto in questi casi è proprio il pericolo, il corpo nel vuoto, il senso di caduta e vertigina, il senso dell’impossibile che diventa possibile.

Una tecnica usata da molti sportivi per auto-riprendersi, laddove pochi sono i fotografi amatoriali in grado di rendere giustizia a queste imprese, è quella della go-pro collegata ad un quadricottero radiocomandato. 

L’incredibile stabilità del volo del drone stupisce chiunque lo usi per foto o per riprese video. Per quanto possa essere esperto e abile un fotografo e ottime le sue attrezzature, nulla al di fuori un drone può riprendere tutti i momenti delle evoluzioni di uno snowboarder in volo… da una posizione più alta del suo salto acrobatico.

E a te, quale sportivo piacerebbe ritrarre?

 

 

No Comments

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi